ascoltando le erbe,  How to,  Ricette con le Erbe,  woman healing herbs

L’Elixir Dei Fiori Del Piccolo Popolo

Qualcuno penserà che ho sbagliato a scrivere Elisir.. invece no, il preparato che vi sto per proporre si chiama proprio Elixir ed è  un prodotto a base di aceto e un altro componente dolce che insieme creano il solvente, il liquido di estrazione in cui poi macereranno le Erbe.

In questo periodo guardando i campi attorno a noi e i nostri prati, possiamo trovare tantissimi fiori e piante commestibili e curative, utili alla nostra salute, ora è importante e molto utile mangiare selvatico e se possiamo, è bello poter raccogliere un po’ di erbette, quelle che conosciamo.

Oggi volevo proporvi un preparato, con base di aceto che potete fare in questo periodo e che io faccio da qualche anno, utilizzando le Erbe di ogni periodo, ma il miglior momento per farlo è questo quando intorno a noi pullula di erbe spontanee commestibili con i loro fiori, ricche di proprietà per mantenerci in equilibrio ed integrare molti nutrienti e vitamine più di un integratore.

La ricetta si chiama Elixir del Piccolo Popolo, perché quando andrete a raccogliere queste tenere piantine e le vedrete tutt’e assieme, sarà come tornare bambine e in più ogni erba che c’è nella ricetta ha un legame con questo popolo amico, assistente all’evoluzione.

Cosa vi serve:

Un barattolo di vetro da mezzo kg o da kg

Con tappo.

Aceto di mele possibilmente bio

Miele  250 g.

Un cucchiaio di acciaio (cucchiaio da cucina) per mescolare

Erbe:

Fiori di tarassaco 

Foglie e fiori di violetta

Fiori di Margherita

Getti di borsa del pastore

Piccole ortiche

Foglie giovani di piantaggine

Rametti di centocchio

Foglie giovani di achillea se le trovate

Prima di uscire connettetevi con il regno del piccolo popolo, di fate, foletti e gnomi, deva della Natura e custodi, chiedete loro di accompagnarvi nel creare questo preparato speciale che racchiude la forza della primavera,

Procuratevi un cestino e usate le mani per raccogliere, portare con voi il barattolo, sentitevi avvolti da una bellissima energia di benedizione e andate ad accogliere le Erbe che verranno a voi.

Raccogliendo mettete già le Erbe nel barattolo in modo da non raccoglierne oltre le vostre necessità.

Godetevi la vostra passeggiata e portate attenzione alla prosperità della madre terra e a quanti preziosi regali ci dona sempre, in ogni stagione.

Tornate a casa è  il momento di preparare il nostro infuso in aceto e miele.

Accendete una candela al regno fatato, richiamando a voi la loro energia giocosa e allegra!

Mettete qualche fiorellino raccolto sull’altare e preparate tutto l’occorrente.

Ora se volete lavare un pochino le Erbe potete farlo, lasciatele a mollo 10 l/15 minuti e delicatamente fate “girare l’acqua” per aiutare la pulizia di tanto in tanto. ricordate che state infondendo la parte piu delicata dell’erba, i fiori, quindi siate dolci nei movimenti.

Scolate e asciugate delicatamente le Erbe con un panno pulito, dopodichè, rimettetele nel vostro vasetto dopo aver risciacquato anche lui.

Coprite le vostre Erbe con l’aceto fino a che sopra o sotto non rimanga un dito di liquido.

Mescolate qualche volta in senso orario, poi aggiungete o 250 g di miele o la metà se ne avete raccolte poche.

Mescolate ancora fino a che le due fasi (miele e aceto) non si siano amalgamate, controllate che il liquido creatosi copra le erbe di almeno un dito, e poi chiudete il vasetto e lasciatelo a riposare per 3-6 settimane in base alle vostre sensazioni, al buio. 

Ogni tanto scuotete la miscela, infondendole tutti i vostri buoni propositi e tutte le vostre benedizioni.

Le Erbe primaverili solitamente fanno parte di quel gruppo Erbe chiamate Amarotoniche, Erbe che aiutano a disintossicare l’organismo, a ripulirlo da scorie e tossine e anche dai metalli pesanti.

potete usare questo preparato sulle insalate, oppure potete scegliere di fare una cura disintossicante di un mese, in cui potete prendere un cucchiaio di questo prodotto in acqua al mattino appena sveglie, vi aiuterà a disintossicarvi, a depurarvi e a mantenere il corpo attivo, ma non solo, vi riconnetterà all’energia delle fate e del piccolo popolo che presiedono alla creazione e alla protezione dei fiori che avete utilizzato.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *